16 October 2011

Ibert conducts Ibert + Escales cond. Rodzinski & Stokowski



JACQUES IBERT

Les Amours de Jupiter, ballet

Escales
I. Palermo
II. Tunis - Nefta
III. Valencia


Orchestre du Theatre National de l'Opera de Paris
JACQUES IBERT
Studio - Mono, 1954 (LP Capitol 18004)


+ Escales

New York Philharmonic
ARTUR RODZINSKI
Columbia 78rpm Set MX 263 - Recorded in 1945

&

Orchestre National de la Radiodiffusion Française
LEOPOLD STOKOWSKI
Paris, Live - May 12, 1958 (*)



(*) The following day - of course with the same orchestra - Stokowski made his famous studio recording published many times in LP & CD:
(mono) Capitol P 8463 *33; Capitol SP 8463 *33; Angel S 60102 *33; EMI SXLP 30263 *33; Toshiba SLC 49 *33; (mono) Toshiba 2LC49 *33; EMI 5 65422 2 *CD+; Toshiba TOCE 8854 *CD; EMI 5 75481 2 *CD+


Note:

Just a few minutes before the upload I've found a good transfer of the same Ibert recordings on vinylfatigue blog:

http://vinylfatigue.blogspot.com/2010/06/ibert-conducts-ibert-escales-and-les.html

but since my LP seems in better conditions I offer this alternative "remastering"-


MU - Flac

5 comments:

Guido said...

http://www.megaupload.com/?d=TKT37Z5J

woland said...

Bello!
Escales è un pezzo che mi piace, Stokowski è notevole (forse la mia versione preferita insieme a Martinon) e Rodzinski mi incuriosisce molto, come sempre.

Guido said...

Devo dire che all'inizio Escales non mi piaceva; ho conosciuto questo lavoro con l'incisione di Ormandy e mi era sembrata una di quelle "francesate" un po' evanescenti, uno dei tanti pezzulli epigonali di chi non può permettersi di scrivere in questo modo senza annoiare, non essendo né Debussy né Ravel né tampoco Roussel. Tempo dopo ho ascoltato Munch, Monteux e "Stoky": e naturalmente ho cambiato del tutto idea.

Guido said...

P.S.
Mi sono procurato anche Martinon, non ce l'avevo.
Urka, ma è una versione superlusso!

Grazie del consiglio ;)

woland said...

Mmmmmm...Monteux in questo pezzo mi manca. Proverò a cercarlo anche se spero vivamente che non fosse nella favolosa "Pierre Monteux Edition" della RCA cancellata dal catalogo in modo davvero criminale (il CD con Antar e Sheherazade! lo devo trovare!) e adesso quasi irreperibile.

In genere trovo Martinon un altro di quei direttori da riscoprire. Quel disco di Ibert è proprio un CD coi fiocchi e lui nel repertorio francese (e non solo) del Novecento non delude davvero mai.